23 settembre

Aree marine protette: soluzione o problema?

Torino-Lingotto Fiere

Molti guardano alle aree marine protette come alla soluzione migliore per dare ai mari e agli oceani il giusto tempo per rigenerare le proprie risorse.

Diverse esperienze dalla rete italiana e internazionale di Slow Fish sembrano corroborare questa affermazione. Ma esistono anche casi al negativo? Quando un’area marina protetta è ben gestita, e quando no?

Intervengono:

  • Gonzalo Merediz, Messico, rappresentante della ONG Amigos de Sian Ka’an;
  • Stephen Garret Sherwood, Ecuador, produttore e ricercatore di Urkuwayku Farm e Collectivo Agroecológico dell’Ecuador;
  • Carlos Maldonado, Argentina, rappresentante della comunità di pescatori della Penisola del Valdes;
  • Antonio García-Allut, Spagna, Fondazione Lonxanet per la pesca sostenibile;
  • Mariela Ochoa, Honduras, CEM, aree di pesca protette;
  • Vanderlea Rochumback Dias, Brasile, pescatrice e coordinatrice della Colonia de pescadores SBC Orlando Feliciano;
  • Evelyn Alera, filippina, biologa marina;
  • Antonio Miccio, Italia, Direttore dell’AMP in Campania.

Moderatore: André Standing, Kenya / Regno Unito, Coalition for Fair Fisheries Agreements (CFFA-CAPE)

I Forum tematici di Terra Madre hanno per protagonisti i delegati della rete e sono aperti al pubblico fino a esaurimento posti.

Ingresso prioritario ai delegati. L’accesso richiede l’iscrizione in loco. 

23 settembre

11:00 - 13:00

Stand:
Food for Change – Slow Fish – Pad. 2/Pav. 2